Castellaneta paradiso del trekking




Castellaneta nel cuore del Parco Regionale delle Gravine è un vero e proprio “catalogo” per chiunque voglia approcciarsi al territorio, dalle gravine, alle pinete ed al mare, con un occhio alla natura in maniera sostenibile e slow.
Le belle giornate, anche se a singhiozzi, si sono affacciate, la vegetazione ancora zuppa d’acqua, grazie ai primi raggi comincia a germogliare, le giornate si allungano, insomma, è il preludio al periodo dell’anno più vitale per la gravina.
Cresce la voglia di trekking e Castellaneta risponde con le sue Gravine grazie al lavoro dell’Associazione Culturale “Amici delle Gravine di Castellaneta” che con il loro motto ““La passione è il nostro motore, il nostro territorio la benzina, la condivisione è ciò che ci da la giusta direzione”, appassionano tutti.
Camminare lentamente per riscoprire la bellezza che ci circonda e il gusto di stare insieme, questo è quello che gli Amici delle Gravine cercano di trasmettere ai tanti turisti, escursionisti e semplici visitatori che si affacciano per la prima volta a Castellaneta.
Meta consolidata per chi viene a Castellaneta, l’affaccio in gravina in via Punta del Capillo dove si gode di un panorama mozzafiato, pareti a strapiombo profonde più di 150 metri, avvolte da una vegetazione molto aspra, in questi giorni un’esplosione di verde della macchia mediterranea, il giallo della ginestra e tanto altro ancora.




E poi il centro storico arroccato sul colle Archinto (sul ciglio della Gravina Grande) dove è custodita gran parte della storia di Castellaneta.
Dalla bellezza delle chiese, ai palazzi storici, alle viuzze e i suoi pendii e non perché sia ultima come importanza la città sotterranea sotto il borgo antico, una città fatta di caverne naturali, abitate da chissà quale popolazione troglodita, riutilizzate nel tempo per il far bisogno quotidiano, trappeti, palmenti, neviere, cisterne, foveari per la conservazione delle derrate alimentali e piccoli cunicoli che parlano di leggende segrete. Camminando per il centro storico è facile ascoltarli e vederli, sono i falchi grillai, una folta colonia che ogni anno in questo periodo tornano in questa terra per nidificare, nel tardo pomeriggio si possono ammirare mentre volteggiano nell’aria in cerca di una preda.
È tempo di trekking, zaino in spalla, scarpe adatte e bastoncini. Questo è un invito all’ andar lento per evadere dal mondo frenetico e godere dei paesaggi che la Terra dona, ogni luogo ha la propria bellezza purché si abbia il tempo di capirne i dettagli, le origini, i cambiamenti. Castellaneta vi aspetta!

Di seguito i punti di riferimenti per organizzare la vostra vacanza a Castellaneta e Castellaneta Marina.

www.facebook.com/infopointcastellaneta/

www.amicidellegravinedicastellaneta.it

www.facebook.com/amicidellegravine/

 

Foto: Vito Ludovico